Anatomia di un corto

Borrowed Time  è il titolo di un intenso e commovente cortometraggio animato di 6 minuti e mezzo della Pixar,  diretto da Andrew Coats & Lou Hamou-Lhadj, prodotto da Amanda Deering Jones e con la musica del premio Oscar, Gustavo Santaolalla.

E’ la storia di uno sceriffo avanti con gli anni che torna sul luogo di un incidente che ha cercato di dimenticare per tutta la sua vita. Più si avvicina a quel posto, più i ricordi riaffiorano nella sua mente. Ritrovandosi di nuovo davanti all’errore che aveva commesso anni prima, trova finalmente la forza per andare avanti.

Annunci

Anatomie de la semaine

Cosa farete nei prossimi giorni? Noi, domenica andremo a raccogliere le castagne insieme ad alcuni amici. Qualunque cosa facciate vi lascio un elenco di link di cose interessanti da fare o semplicemente da leggere durante il weekend.

 

 

Anatomia della Market Bag di Apolis

Se state cercando una borsa per fare la spesa che sia comoda e al contempo bella, personalizzabile con il nome della città in cui abitate e addirittura sostenibile, quella in vendita sul sito del brand californiano Apolis è quella che fa per voi!

Realizzata a mano dalle mamme lavoratrici in Bangladesh che ricevono un salario equo, la borsa è fatta in fibra di juta naturale con un rivestimento interno impermeabile e cinghie di cuoio fissate con vecchi rivetti di nichel – quindi è abbastanza robusta da poter trasportare una o tre bottiglie di vino.

77f17989ae68e45166493ed1eabccd1d

La borsa, come accennato sopra, è personalizzabile. E’ possibile creare la propria borsa per la spesa inserendo fino a tre righe di testo che saranno stampate a mano sulla “market bag”. Non vi resta che andare sul sito!

apolisback

 

Anatomie de Dôen

Quando Margaret Kleveland e sua sorella Katherine sono diventate madri hanno capito che  le rispettive carriere nel campo della moda non facevano più per loro.

In poco tempo hanno dato vita a Dôen,  una linea di abbigliamento casual e bohémien che si ispira alla California degli anni passati, e più precisamente a Santa Barbara, la città in cui sono crescite le due sorelle.

fall10

Image source: https://shopdoen.com

Oltre a loro, fanno parte del brand altre cinque partner, tutte donne, tra cui la fotografa Hilary Walsh e l’artista Allie Furlotti. Le sorelle Kleveland conoscono alcune di loro fin dall’infanzia; altre hanno lavorato con loro nel settore della moda.

“Proveniamo da esperienze simili, in cui le donne pur gestendo totalmente le attività non ne erano mai le proprietarie”, ha detto Margaret.

“Fin dall’inizio abbiamo pensato: diamo potere alle donne con cui abbiamo lavorato e conosciamo, che non hanno avuto l’opportunità di avviare le imprese di cui hanno fatto parte” ha aggiunto Katherine.

Hanno esteso questa loro filosofia al modo in cui producono i loro capi di abbigliamento: tutte le fabbriche a cui dà lavoro Dôen – in India e in Perù – sono di proprietà o in comproprietà delle donne e sono gestite in maniera etica. E la loro fabbrica in India aiuta a mandare le figlie delle dipendenti a scuola.

In poche parole, un brand che vuole coniugare empowerment femminile e sviluppo sostenibile. Ottimo, no?

Dôen ha appena lanciato la nuova collezione per l’autunno, è in vendita sul sito shopdoen.com.

Fall.jpg

fall25-1

fall14

fall15-1

 

fall16-1

fall2

fall7