Anatomy of Casa Cook

 

cd61688d1c72731f45f2fd6cb6277c4c
Image Source: http://www.casacook.com

Siete ancora alla ricerca della meta per le vacanze? Siete  in fuga  da un clima capriccioso e vagamente britannico?

Thomas Cook, l’agenzia di viaggi più antica del mondo, ha lanciato un nuovo concetto di hotel, Casa Cook, ed ha aperto il suo primo albergo a Rodi lo scorso maggio.

Il nuovo boutique hotel dispone di 90 camere ed è arredato con mobili vintage. Ogni camera è dotata di una piccola piscina privata.

“Un nuovo boutique hotel con uno spirito bohémien”.

RHOCOOK1131_2_30

RHOCOOK1117_2_30

RHOCOOK1135_2_30

Casa Cook Rhodes è stato progettato in collaborazione con l’architetto Vana Pernariv, l’interior designer Annabell Kutucu e agenzia di design Lambs & Lions.

Casa Cook si rivolge ad una nuova clientela di giovani viaggiatori urbani, con una forte affinità per la moda e il design, e che è concentrata su un sano equilibrio tra vita e lavoro.

Ops, ho dimenticato di dirvi che questo favoloso hotel è esclusivamente per gli adulti.

È possibile trovare maggiori informazioni sul sito web di Casa Cook.

RHOCOOK1137_2_30

RHOCOOK1124_2_30

64891067

 

karina-eibatova-magical-jungle-tiles-casa-cook-hotel-designboom-01

 

Are you still looking for inspiration for your next holiday? Are you escaping this capricious and vaguely British weather?

Thomas Cook,  the world’s oldest travel company, launched a new hotel concept, Casa Cook, with the first hotel opened in Rhodes last May.

The boutique hotel has 90 rooms and vintage furniture. Each room comes with a small private swimming pool.

“A new boutique hotel with a bohemian spirit. For cosmopolitans that seek a laid-back and stylish holiday experience”.

Casa Cook Rhodes was designed in collaboration by architect Vana Pernariv, interior designer Annabell Kutucu and design agency Lambs & Lions.

Casa Cook targets a new growing clientele consisting of young urban travelers, with a strong affinity for fashion and design, and who are focused on a healthy work-life balance.

Oops, I forgot to tell you that this fabulous hotel is exclusively for adults.

You can find more information on Casa Cook’s website.

Anatomie de la semaine

Questo è un breve elenco delle cose che ho trovato e che mi sono piaciute questa settimana.

1. 53 foto che raccontano la storia del Festival di Cannes

Sophia-Loren-waved-crowd-while-Cannes-back-1964
Image source : Getty/AFP.

2.Il profilo Instagram BewitchedQuills di Annelies van Overbeek,  una giovane 17enne belga che con un po’ di trucco si trasforma di volta in volta nelle icone del cinema del passato come Audrey Hepburn e Vivien Leigh.

12940202_1741267576108505_1539363544_n
Image source : Instagram account, BewitchedQuills
13188053_738876856215831_1643758077_n
Image source: Instagram account, BewitchedQuills

3. Trenta parole intraducibili

4.  Il nuovo libro Greenterior del duo belga Magali Elali e Bart Kiggen, i fondatori della rivista intervista online Coffeeklatch. Greenterior presenta le case di diciotto creativi da Anversa a New York, che hanno tutti una cosa comune –  la passione per le piante.

Greenterior_DEF_LR_Cover_rgb

3K5A8706_final_SRGB (1)
Image source: Coffeeklatch
Greenterior-Plant-Loving-Creatives-and-Their-Homes-Open-House-Yellowtrace-07
Image source: Coffeeklatch
Greenterior-Plant-Loving-Creatives-and-Their-Homes-Shabd-Yellowtrace-09
Image source: Coffeeklatch

 

This is just a short list of things I found and loved this week.

1.53 Cannes Film Festival Photos That Will Take You Way, Way Back

2. Annelies van Overbeek’s Instagram account where this Belgian teeenager recreates iconic images of the likes of Audrey Hepburn and Vivien Leigh with the help of retro hair and makeup techniques.

3.30 untranslatable words

4. The new book Greenterior by Belgian duo Magali Elali and Bart Kiggen, the founders of the online interview magazine CoffeeklatchGreenterior showcases interior features on 18 creatives from Antwerp to New York, who all have one thing common – a passion for plants.

Anatomie de la semaine

Un breve elenco delle cose che ho trovato e che mi sono piaciute questa settimana.

A short list of things I found and loved this week.

1.Un tutorial su come realizzare questi carinissimi blocchi di legno realizzati con le immagini di vecchi libri per bambini.

1.A tutorial on how to make these lovely vintage story-book blocks.

We-Are-Scout_vintage-storybook-blocks_DIY_1-600x780
Image via: http://www.we-are-scout.com
Image via: www.we-are-scout.com
Image via: http://www.we-are-scout.com

2.Il tanto attesto ritorno della “danza delle scatole di latta“.

La danza delle scatole è lo scambio di una scatola di latta. Le scatole di ogni genere dovranno contenere una ricetta.Per partecipare mandate una mail al seguente indirizzo di posta elettronica: danielaatcalmeetcacao.com, con oggetto “la danza delle scatole di latta”. Nell’email scrivete anche l’indirizzo a cui ricevere il pacchetto.
Avete tempo fino al 1 novembre 2015.

2.The long-awaited return of the tin boxes swap created by Daniela of Calme et Cacao Blog.

Image via: http://calmeetcacao.com/
Image via: http://calmeetcacao.com/

3.Questo articolo sul vintage e il design scritto da Laura Traldi.

3.This  article about vintage and design written by Laura Traldi.

Image via: http://designlarge-d.blogautore.repubblica.it/2015/09/01/interni-vintage-design-tendenza/
Image via: http://designlarge-d.blogautore.repubblica.it/2015/09/01/interni-vintage-design-tendenza/

L’importanza di ciò che resta

Mentre davo l’ennesima mano di bianco ad un mobile che sto recuperando, pensavo a tutte le cose che dovevo fare, a quanto fossi stanca. Me la prendevo con me stessa e con la mia passione per il vintage.

Quel mobile non è particolarmente bello, occupa spazio potenzialmente prezioso e richiede infinite pennellate di vernice per assumere un aspetto decente.

In preda alle mie paturnie non mi rendevo conto che mi stava sfuggendo il vero nocciolo della questione. Ovvero il fatto che quel mobile è lì da 30 anni ed è stato fatto da uno zio di mia suocera.

Spesso il fascino di alcuni oggetti è che restano con noi. Rimangono nelle nostre case e fanno parte di un pezzo della nostra vita. Silenziosi spettatori che con la loro continuità ci ricordano storie e persone passate. E’ solo questo quello che conta!!