Anatomie de la semaine

Questa è una breve rassegna delle cose che ho trovato e che mi sono piaciute questa settimana.

  • Marylin Monroe, La donna oltre il mito” è in mostra a Palazzo Madama di Torino fino al 19 settembre.Oltre 15o oggetti sono gli oggetti in esposizione, appartenuti alla celebre attrice, attraverso i quali viene ripercorsa la sua vita.
slide_490368_6762372_free

Original telephone bills of Marilyn Monroe including photography by Milton Greene, Collection Stampfer. Image llage: Ted Stampfer Photo copyrights: Milton Greene

cover-gilmore-girl-festival-ottobre-desktop

Image source: http://www.grazia.it

Anatomia delle donne sugli alberi

A scoprire la bizzarra tendenza delle donne a farsi ritrarre arrampicate sugli alberi,  tra gli anni Venti e  Cinquanta del Novecento,  è stato Jochen Raiß.

Da 25 anni, infatti, andando per mercatini delle pulci Jochen ha collezionato una serie di immagini di persone e luoghi insoliti.

Molte di queste foto, accomunate dall’assenza di informazioni sul fotografo e sul soggetto oltre che dalla posa sull’albero, sono state raccolte in un libro pubblicato da Hatje Cantz.

00004167

Women in Trees – Jochen Raiß © Sammlung Jochen Raiß, Courtesy Hatje Cantz

content_plain-magazine-women-in-trees-05

Women in Trees – Jochen Raiß © Sammlung Jochen Raiß, Courtesy Hatje Cantz

content_plain-magazine-women-in-trees-10

Women in Trees – Jochen Raiß © Sammlung Jochen Raiß, Courtesy Hatje Cantz

Frauen auf Bäumen/

Women in Trees – Jochen Raiß © Sammlung Jochen Raiß, Courtesy Hatje Cantz

Frauen auf Bäumen/

Women in Trees – Jochen Raiß © Sammlung Jochen Raiß, Courtesy Hatje Cantz

Jochen Raiß discovered the bizarre trend of women posing in trees from the 1920s to the 1950s.

Jochen spent 25 years going to the flea markets and collecting a series of images depicting women and unusual places.

Many of these photos sharing a lack of information about the photographer and the subject as well as the fact of posing in trees, and they  have been collected in a book published by Hatje Cantz, titled Women in Trees.

Anatomie de Louise Misha

Louise Misha è un brand che è stato fondato da due amiche, Aurélie Remetter e Marie Picancet a Parigi nel 2012.

Hanno lanciato il loro marchio dopo un viaggio in India, nel tentativo di prolungare la loro avventura.

L’hanno chiamato Louise Misha, fondendo insieme il nome della nonna di Marie, Louise e il nomignolo della madre di Aurelie, Misha.

Le loro creazioni sono ispirate dai dettagli vintage, dai viaggi e dallo stile bohémien.

A poco a poco Louise Misha è cresciuto fino a diventare una linea di prêt-à-porter per le bambine con tanto di gioielli e accessori. Poi, nel 2014, è nata la collezione dedicata alle donne.

Le loro collezioni estate 2016 per le bambine e le donne sono caratterizzate da colori tenui, da pizzi e ricami delicati, da elementi esotici ed etnici mescolati insieme ad uno stile hippie anni 70 e ad un pizzico di nostalgia.

Per vedere il resto della collezione visitate il loro sito web.

 

 

 

Louise Misha is a brand founded by two friends, Aurelie Remetter and Marie Picancet, in Paris in 2012.

They launched the brand after a trip in India in an attempt to extend their adventure.

They called it Louise Misha, named after Marie’s grandmother ‘Louise’ and Aurelie’s mother nicknamed ‘Misha.’

Their creations are inspired by vintage details, travels and bohemian style.

Little by little Louise Misha has grown to become a full line of ready to wear, jewelry and accessories for little girls. Then in 2014, the Women collection was born.

Their Summer 2016 collections for little girls and women feature pastel colours, delicate laces and embroideries, exotic and ethnic elements mixed with a hippie 70s style and a pinch of nostalgia.

To shop & see the rest of the collection visit their website.

 

 

Anatomy of Casa Cook

 

Siete ancora alla ricerca della meta per le vacanze? Siete  in fuga  da un clima capriccioso e vagamente britannico?

Thomas Cook, l’agenzia di viaggi più antica del mondo, ha lanciato un nuovo concetto di hotel, Casa Cook, ed ha aperto il suo primo albergo a Rodi lo scorso maggio.

Il nuovo boutique hotel dispone di 90 camere ed è arredato con mobili vintage. Ogni camera è dotata di una piccola piscina privata.

“Un nuovo boutique hotel con uno spirito bohémien”.

RHOCOOK1131_2_30

RHOCOOK1117_2_30

RHOCOOK1135_2_30

Casa Cook Rhodes è stato progettato in collaborazione con l’architetto Vana Pernariv, l’interior designer Annabell Kutucu e agenzia di design Lambs & Lions.

Casa Cook si rivolge ad una nuova clientela di giovani viaggiatori urbani, con una forte affinità per la moda e il design, e che è concentrata su un sano equilibrio tra vita e lavoro.

Ops, ho dimenticato di dirvi che questo favoloso hotel è esclusivamente per gli adulti.

È possibile trovare maggiori informazioni sul sito web di Casa Cook.

RHOCOOK1137_2_30

RHOCOOK1124_2_30

64891067

 

karina-eibatova-magical-jungle-tiles-casa-cook-hotel-designboom-01

 

Are you still looking for inspiration for your next holiday? Are you escaping this capricious and vaguely British weather?

Thomas Cook,  the world’s oldest travel company, launched a new hotel concept, Casa Cook, with the first hotel opened in Rhodes last May.

The boutique hotel has 90 rooms and vintage furniture. Each room comes with a small private swimming pool.

“A new boutique hotel with a bohemian spirit. For cosmopolitans that seek a laid-back and stylish holiday experience”.

Casa Cook Rhodes was designed in collaboration by architect Vana Pernariv, interior designer Annabell Kutucu and design agency Lambs & Lions.

Casa Cook targets a new growing clientele consisting of young urban travelers, with a strong affinity for fashion and design, and who are focused on a healthy work-life balance.

Oops, I forgot to tell you that this fabulous hotel is exclusively for adults.

You can find more information on Casa Cook’s website.

Bert Hardy : Personal Collection

 

Pool_of_London_1949_5718ba3d53f89

“The Pool of London”, 1949.© Getty Images/Courtesy of the Bert Hardy Estate

Bert Hardy è stato un fotografo documentarista inglese.

Hardy è conosciuto per il suo lavoro come fotografo per il Picture Post Magazine neglj anni ’40 e ’50.

“Bert Hardy: Personal Collection”: Questa mostra presenta stampe d’epoca provenienti dalla sua collezione privata e che non sono mai state mostrato prima d’ora. E’ anche possibile acquistare le stampe.

La mostra, che si tiene presso la Photographers’Gallery di Londra è iniziata il 13 maggio e durerà fino al 3 luglio.

 

Ken_Joy__London_Brighton_Recird_Breaking_Cyclist__1949_4fc8efbc33fda

“Ken Joy. London-Brighton Record Breaking Cyclist,” 1949. © Getty Images/Courtesy of the Bert Hardy Estate

Gibraltar__The_Combined_Fleets_Ashore__1954_5014077abbc68

Gibraltar, The Combined Fleets Ashore,” 1954.© Getty Images/Courtesy of the Bert Hardy Estate

 

Bert Hardy was a documentary photographer. Hardy is best known for his work as a photographer for the Picture Post Magazine  during the 1940s and 1950s.  

“Bert Hardy: Personal Collection”: This exhibition showcases vintage prints drawn from his own private collection and have never before been displayed. The prints will also be up for sale.

The exhibition at London’s The Photographers’ Gallery started on May 13 and will last until July 3.

Sunday_Morning_on_the_Champs_Elysees_5718b8ed0eb0f

“Sunday Morning at the Champs Élysées,” 1951. © Getty Images/Courtesy of the Bert Hardy Estate

Cockney_Life_at_the_Elephant_and_Castle__Jan_9__1949__4fc8ed95eb1b8

“Cockney life at the Elephant and Castle,” 1949. © Getty Images/Courtesy of the Bert Hardy Estate

 

Anatomie de la semaine

Questo è un breve elenco delle cose che ho trovato e che mi sono piaciute questa settimana.

1. 53 foto che raccontano la storia del Festival di Cannes

Sophia-Loren-waved-crowd-while-Cannes-back-1964

Image source : Getty/AFP.

2.Il profilo Instagram BewitchedQuills di Annelies van Overbeek,  una giovane 17enne belga che con un po’ di trucco si trasforma di volta in volta nelle icone del cinema del passato come Audrey Hepburn e Vivien Leigh.

12940202_1741267576108505_1539363544_n

Image source : Instagram account, BewitchedQuills

13188053_738876856215831_1643758077_n

Image source: Instagram account, BewitchedQuills

3. Trenta parole intraducibili

4.  Il nuovo libro Greenterior del duo belga Magali Elali e Bart Kiggen, i fondatori della rivista intervista online Coffeeklatch. Greenterior presenta le case di diciotto creativi da Anversa a New York, che hanno tutti una cosa comune –  la passione per le piante.

Greenterior_DEF_LR_Cover_rgb

3K5A8706_final_SRGB (1)

Image source: Coffeeklatch

Greenterior-Plant-Loving-Creatives-and-Their-Homes-Open-House-Yellowtrace-07

Image source: Coffeeklatch

Greenterior-Plant-Loving-Creatives-and-Their-Homes-Shabd-Yellowtrace-09

Image source: Coffeeklatch

 

This is just a short list of things I found and loved this week.

1.53 Cannes Film Festival Photos That Will Take You Way, Way Back

2. Annelies van Overbeek’s Instagram account where this Belgian teeenager recreates iconic images of the likes of Audrey Hepburn and Vivien Leigh with the help of retro hair and makeup techniques.

3.30 untranslatable words

4. The new book Greenterior by Belgian duo Magali Elali and Bart Kiggen, the founders of the online interview magazine CoffeeklatchGreenterior showcases interior features on 18 creatives from Antwerp to New York, who all have one thing common – a passion for plants.

Anatomia de L’armadio di Oliver

11896067_883474281689257_5824986857280443035_n

Al centro di Roma, nel rione Monti, c’è un negozio di vestiti e mobili per bambini che sono già stati posseduti e amati, è L’armadio di Oliver.

Claudia Brandt, nata a Copenhagen, ha aperto questa attività a Roma, dove vive da molti anni, basandosi sulla sua filosofia di vita sostenibile, ovvero sull’idea che spesso i vestiti per bambini vengono usati poco e messi da parte ancora prima. La maggior parte dei  capi in vendita sono di marchi francesi e danesi.

Il negozio è stato inserito nella City Guide Louis Vuitton di Roma.

5

image

image8

Claudia è anche un’ottima fotografa che lavora con i bambini e le famiglie.

DSC_1061 copy 2.jpg

 

11951877_477437255751736_8223454531254396591_n

1. Sei nata a Copenhagen e cresciuta negli Stati Uniti. Come sei finita a Roma?

   Mi sono innamorata di Roma, quando avevo 19 anni e lavoravo qui come baby-sitter.    

   Poi, durante i miei studi universitari sono tornata a studiare per un semestre, ma 

   ho deciso di rimanere e da allora sono passati 16 anni

2. Qual è la tua parola italiana preferita? Pianoforte.

3. Cos’è L’armadio di Oliver? L’Armadio di Oliver è un negozio di vestiti già

     amati per bambini e di mobili vintage per i piccoli.

 

4. Questo blog si chiama Anatomie des mots: l’anatomia delle parole è una grammatica

segreta, la loro intima connessione con le cose che ci circondano. Potresti fare

l’anatomia delle parole “cose già amate”? La parola ‘Preloved’ per me è il collegamento

   tra il passato e il presente e anche l’idea romantica che qualcosa venga amato di

   nuovo (dopo essere già stato amato). Infatti su ogni capo di abbigliamento è riportato

   il nome di chi lo ha posseduto prima …

5. Sei una negoziante e mamma di Oliver. Come concili lavoro e famiglia? Pianificando

giorno per giorno e con un piccolo aiuto

10623478_347319382096858_699378175124227869_o

6. Cosa collezioni? Oggetti vintage e antiquariato. Ho molte cose di mia nonna   

    ma vado spesso al mercato dove cerco sempre cose per bambini da mettere in  

    negozio, e diversi oggetti come bicchieri, specchi, ceramiche e cose insolite e divertenti

    per casa mia.

7. 5 pezzi vintage nel tuo armadio

    In realtà non indosso abiti vintage, ma ho delle scarpe e un paio di borse. E ho    

    un bell’armadio antico per i vestiti di Oliver proveniente da un college inglese per

    ragazzi.

8. Il tuo sogno di felicità

    Fare tutto ciò che rende me (e Oliver) felici, creare cose belle, una bella atmosfera

    buoni sentimenti attorno a me. E l’amore.

9. Di quali abitudini passate e forse perse senti di più la nostalgia?

    Di molte delle tradizioni della nonna, e cerco di mantenerne in vita alcune. Come le

    lettere scritte a mano e la magia della vera fotografia analogica.

10. 5 cose da fare a Roma

    Camminare, osservare, noleggiare una bicicletta, mangiare e bere, andare a vedere il  

    Museo Borghese, visitare Monti (il quartiere).

12507438_947140721989279_2614081594732265352_n

1.You were born in Copenhagen and raised in the United States. How did you end up in

   Rome ? I first fell in love with Rome when I was 19 working here as a babysitter. I later

   came to study for a semester during my university studies, but decided to stay and now  16 years

   have passed…

2. What is your favorite Italian word? Pianoforte.

3. What is L’Armadio di Oliver? L’Armadio di Oliver is a pre-loved children clothing

     and vintage children’s furniture  store in Monti.

 4. This blog is called Anatomie des mots: the anatomy of words is a secret grammar,
      their intimate connection with things around us. Could you anatomize the word
      ‘Preloved’?
      The word ‘preloved’ for me is the connection between the past and the present and
      also the romantic idea of something being loved again ( after having been loved
      already). In fact on each piace of clothing it says who has loved it before…
  5. You are a shopkeeper and mom to Oliver. How do you balance work and family
       life? Day by day planning and with a little help…
 
  6. What do you collect? Vintage items and antiques. I have many things from my
       grandmother but I go to the market often where I always look for children’s things
       for the shop, glasses, mirrors, ceramics and unusual fun things for my house.
   7. Tell us about 5 vintage pieces in your closet.
        I don’t really wear vintage clothes but I have some shoes and a couple of bags. And I
        have a beautiful antique closet for  Oliver’s clothes from an English boys college.
 
   8. What is your dream of happiness? Doing whatever makes me (and Oliver) happy,
        creating beautiful things, atmosphere and feelings around me. And love.
 
   9. What past or maybe lost habits do you feel most nostalgic about? Many of
       grandmother’s traditions, some I try to keep alive. Also handwritten letters.
 
   10. Tell us 5 things to do in Rome
         Walk, observe, rent a bike, eat + drink, see the Borghese museum, visit Monti (the 
         neighborhood).

 

Anatomie de la semaine

Questo è un breve elenco delle cose che ho trovato e che mi sono piaciute questa settimana.

1.Una versione romanzata di Parigi in questo breve film su Vimeo chiamato Paris through Pentax“.

A short list of things I found and loved this week.

1.A romanticized version of Paris in this short film on Vimeo called “Paris through Pentax“.

2.Questa deliziosa statement clutch di Nice Things in vendita su Happiness Boutique. La borsetta è stata realizzata imitando lo stile di un vecchio libro.

2.This adorable statement clutch by Nice Things from Happiness Boutique. The clutch was crafted imitating the look of a vintage book.antique-market-clutch-by-nice-things

3.Questo grazioso orologio Casio con un gatto sul quadrante, in vendita su The Whitepepper.

3.This cute Casio watch with cat motif from The Whitepepper.

Vi auguro un buon weekend autunnale!

Have a nice fall weekend!

Anatomie du Ladencafé Marais

5 motivi per cui dovreste assolutamente visitare il Café Marais:

  1. E’ una caffetteria e un robivecchi.Questo significa che si può gustare un caffè di buona qualità insieme ad una deliziosa torta fatta in casa e che tutto ciò che vedete è in vendita.
  2. E’ una vecchia merceria degli anni Venti convertita in un café. Il risultato è sorprendente: mensole di legno piene di bottoni, nastri, passamanerie, cappelli, borse in pelle vintage e gioielli, e molti altri oggetti di antiquariato e vintage.
  3. In quelle che erano le vetrine della merceria ci sono tavoli e sedie. Ci si può quindi sedere e gaurdare fuori.
  4. Il Süddeutsche Zeitung ha scritto:Das “Café” Marais in der Parkstraße ist fast zu schön, um wahr zu sein”.” Il “café” Marais è quasi troppo bello per essere vero”.
  5. Chiamato come Le Marais,uno dei quartieri più antichi e alla moda di Parigi, è un piccolo e grazioso angolo di Parigi a Monaco di Baviera.

 5 Reasons why you should definitely go to the Ladencafé Marais:

  1. It is a coffehouse and a junk shop. This means that you can enjoy quality coffe with a delicious homemade cake and that everything you see is for sale.
  2. This is an old haberdashery from the 1920s converted into a café. The result is amazing: wooden shelves full of buttons, ribbons, trimmings, hats, vintage leather bags and jewelry, and many other antique and vintage finds.
  3. In the former display windows there are tables and chairs, so you can sit and look outside.
  4. The Süddeutsche Zeitung wrote about it : “Das “Café” Marais in der Parkstraße ist fast zu schön, um wahr zu sein”.”The Café Marais in Parkstraße is almost too good to be true”.
  5. Named after Le Marais, one of the oldest and most fashionable districts in Paris, it’s a charming little corner of Paris in Munich.

IMG_20150823_121304

IMG_20150823_121209IMG_20150823_114940IMG_20150823_120344IMG_20150823_120505

IMG_20150823_115540044

IMG_20150823_115550002IMG_20150823_113703

IMG_20150823_115708374IMG_3393Lungo la strada per il Marais, abbiamo trovato questo fantastico negozio vintage chiamato “4uattro Mobili. Vende mobili vintage italiani degli anni Cinquanta, Sessanta e Settanta.

Along the way to the Marais, we found this amazing vintage shop called “4uattro Mobili“. They sell Italian vintage furniture from the 1950s, 1960s and 1970s.

IMG_3395

IMG_3396IMG_3397IMG_3398

Anatomie de la semaine

Un breve elenco delle cose che ho trovato e che mi sono piaciute questa settimana.

A short list of things I found and loved this week.

1.Un tutorial su come realizzare questi carinissimi blocchi di legno realizzati con le immagini di vecchi libri per bambini.

1.A tutorial on how to make these lovely vintage story-book blocks.

2.Il tanto attesto ritorno della “danza delle scatole di latta“.

La danza delle scatole è lo scambio di una scatola di latta. Le scatole di ogni genere dovranno contenere una ricetta.Per partecipare mandate una mail al seguente indirizzo di posta elettronica: danielaatcalmeetcacao.com, con oggetto “la danza delle scatole di latta”. Nell’email scrivete anche l’indirizzo a cui ricevere il pacchetto.
Avete tempo fino al 1 novembre 2015.

2.The long-awaited return of the tin boxes swap created by Daniela of Calme et Cacao Blog.

3.Questo articolo sul vintage e il design scritto da Laura Traldi.

3.This  article about vintage and design written by Laura Traldi.